E non parliamo ipoteticamente ma del vero e proprio rientro nel ciclo della vita! Un modo per affrontare con più serenità una fase della vita inevitabile.

In Inghilterra ci sono i cimiteri verdi, per esempio, nei quali le lapidi sono state sostituite da alberi commemorativi molto rigogliosi. Si tratta di una soluzione ideale per chi desidera vivere il lutto recandosi frequentemente sulla sepoltura in uno spazio naturale e di pace.

Dispersione delle ceneri: non tutte approvate in Italia

Come sappiamo nel nostro Paese è possibile optare per la cremazione a Roma presso la ditta di onoranze funebri Cattolica San Lorenzo o nella città di appartenenza affidandosi alla società di fiducia. In molti stati, però, questo non basta più e si sono cercate idee alternative per far fronte a questo momento. Vediamone qualcuna.

Essere biodegradabili

L’idea è quella di far biodegradare il corpo più velocemente; per questo viene avvolto nel cotone naturale, adagiato su una superficie in legno di pino, fermato con una rete di corda allacciata con spore fungine. Molte città, per eliminare le tossine prodotte Dalla realizzazione delle bare hanno abbracciato questa idea utilizzando anche altri materiali a posto del Pino come ad esempio il vimini, il cartone, il bambù, la lana o ancora le foglie di banana. Nel Regno Unito questa idea e stata talmente tanto bene accolta che Carlo d’Inghilterra ha deciso di esporla in casa sua durante una fiera ecologica.

Torniamo in Italia con la Capsula Mundi

Si tratta di un progetto tutto italiano quello che prevede il baccello dalla forma di un uovo in cui viene riposto il corpo del nostro caro. Il materiale è biodegradabile e sopra di esso viene piantato un albero che il defunto stesso sceglierà prima della sua morte.

Barriere coralline artificiali

Un altro progetto interessante spiega come le ceneri del defunto mescolate ad un composto di cemento possano essere utilizzate per creare una sfera che verrà de posta vicino ad una barriera corallina. Qui la sfera sarà colonizzata dalle creature diventando un Eternal reef che sostiene la vita marina delle barriere coralline.

L’app di Bios

Per una vita sempre più tecnologica, anche dopo la morte, nasce l’urna Bios ovvero un incubatore ad albero con sistema intelligente. E un’urna biodegradabile in cui si conservano le ceneri cremate all’interno del quale vi è un seme che diventerà un albero la cui crescita può essere monitorata attraverso un’apposita app per lo smartphone. Ancora più smart è il sistema di auto irrigazione che si attiva da solo rilevando l’umidità del terreno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *